Torna indietro

DIEGO DE CASTRO SULLA SAGA DEI LUXARDO *
Tragica fine a Zara di una famiglia italiana

La nuova edizione del libro di Nicolò Luxardo de' Franchi è stata arricchita dall'autorevole commento dello storico Diego de Castro che inquadra la tragedia dalmata nel contesto storico che l'ha originata

_____________________________________________________________________________

Un altro contributo alla conoscenza della tragedia rappresentata dall'esodo degli italiani dell'Istria di Fiume e della Dalmazia avvenuto alla fine dell'ultimo conflitto mondiale e della tragica fine di quanti di loro ebbero la possibilità di allontanarsi dalla propria città è stato dato da questa nuova edizione ampliata del libro Dietro gli scogli di Zara curata da Nicolò Luxardo de' Franchi e pubblicato nell'ottobre 1999 dalla Libreria Editrice Goriziana: un libro che narra le vicende di una famiglia italiana di Zara vittima degli avvenimenti che seguirono all'occupazione della città da parte delle truppe partigiane slave.La famiglia è quella dei Luxardo, prestigiosi titolari della omonima Fabbrica di Liquori (il Maraschino) fondata a Zara nel 1821 e distrutta dai bombardamenti aerei anglo-americani nel 1943 quando a reggerne le sorti erano i fratelli Nicolò ucciso assieme alla moglie da partigiani slavi e Pietro (padre dell'autore del libro) deportato dalle autorità slave dell'epoca senza che più nulla si potesse sapere circa la sua fine. Sui nomi dei mandanti e degli esecutori di questa personale tragedia c'Ŕ un silenzio che perdura da oltre mezzo secolo, che l'autore ha cercato ed ancora cerca disperatamente di rompere per conoscere la verità sulla sorte dei propri cari, interessando direttamente ed indirettamente gli uomini di governo, autorità, organismi nazionali ed internazionali, organi di stampa e di informazione, cittadini privati, senza ottenere però la pur minima risposta. Il libro, aperto da un'ampia e documentata prefazione curata dallo storico Diego De Castro, si inquadra perfettamente nel tentativo da più parti in atto e teso a raccogliere tutte le testimonianze disponibili sul quel terribile periodo che solo da qualche tempo comincia ad essere oggetto di considerazioni storiografiche, utili auspicabilmente anche per fornire ai congiunti ed ai familiari della persone scomparse qualche notizia in merito al destino dei loro parenti, quale è appunto il caso dei fratelli Luxardo scomparsi dietro quegli scogli di Zara che raccontano il dolore di un'intera popolazione.

Da: "Il Dalmata", n. 13, Gennaio 2000

Mario de'Vidovich Cremona